L’uomo della mia vita…un’altra vita

L’altro giorno, lui era lì, in tutto il suo splendido fulgore.
E mi ha rivolto queste parole:

Dèi andavano un tempo fra gli uomini, le splendide Muse
E Apollo, l’adolescente, a guarire, a esaltare come tu fai;
E tu sei per me come quelli, e mi pare che uno dei beati
Mi abbia mandato nella vita e dove io vado l’immagine
Della mia eroina è con me che soffro e creo con amore
Fino alla morte; poiché questo appresi, questo ho da lei.

Fa che noi viviamo, o tu, con cui patisco, con cui
Nell’intima fede fedele anelo a un tempo più bello.
Eppure noi già lo siamo! Sapessero di noi due
Negli anni futuri quando il genio riavrà il suo valore,
Direbbero: Si crearono i solitarii amando,
Solo dagli dei conosciuto, il loro più segreto mondo.
Poiché il volgo, curandosi solo di ciò ch’è mortale
Sprofondò nell’Orco, ma essi trovarono la via degli dèi,
Essi a un intimo amore fedeli e al divino spirito,
Sperando pazienti, e in silenzio vincitori del destino.”

…si chiama Hölderlin. È morto nel 1843.
Ha voluto darsi a ciò che non è mortale, e ha consigliato lo stesso attraverso le sue poesie: la bellezza, l’arte, il divino lontano.
Sperando pazienti, e in silenzio vincitori del destino.
E queste, signori, solo le più dolci parole che un defunto avrebbe mai potuto dirmi 🙂

Halifax

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...