Stamattina

La parola è stata data all’uomo per nascondere il pensiero.” – Charles-Maurice di Talleyrand-Périgord

Stamattina mi sono vestita da ragazza a modo. Camminavo dritta, i capelli raccolti sulla nuca, chi insulta una ragazza a modo? Ho guardato da dove guardate anche voi, o forse un poco più in alto.
Ieri, non potevi non capirlo, ero una belva furiosa, ti ho guardato in cagnesco, non ho detto “ciao”, mi mangiavo torva da dentro, ero nera come pece, e nulla mi avrebbe cambiata.
L’altro ieri ero una dea, mi muovevo solenne, in vesti sontuose, lo sguardo del cielo e i gesti di chi non ha freni e di chi non si può fermare, serenamente.
Prima ancora ero come un lupo grigio, con occhi sfuggenti, e il passo di chi combatte, le mani nelle tasche di jeans troppo scuri.
E ancora ero un uomo, le labbra strette, la giacca larga, i passi pesanti, i capelli nascosti, un camminare dinoccolato, una smorfia decisa mentre bevevo il caffè.
O un soldato incosciente, dalle membra tremanti, con la lancia in mano e in testa, pronta col respiro affannoso a fare a pezzi ogni nemico.
O un cerbiatto, supplice, piegato, riverente, una lacrima sul pelo lucido e due nel fazzoletto di carta, ma badate, col volto girato e solitario.
O…

Halifax

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...